DBAAtlante di Ecologia
Atlante

Diatomee
 :: Chiave dicotomica
 :: Ordine Araphideae
 :: Ordine Monoraphidee
 :: Ordine Brachiraphideae
 :: Ordine Biraphideae
 :: Glossario
Macroinvertebrati bentonici
 :: Chiave dicotomica
 :: Chiave insetti
Microartripodi del suolo
 :: Chiave generale
 :: Chiave A
 :: Chiave Classe Arachnida
 :: Chiave Classe Exapoda

Atlante> Diatomee

Diatomee

Le Diatomee (Bacyllariophycee) sono alghe brune, unicellulari e di dimensioni dell'ordine dei micron, comparse nel Giurassico attualmente esistono piu' di 11000 specie. Per svilupparsi hanno bisogno di luce e umiditą, colonizzano tutti gli ambienti acquatici (acqua dolce, salata, salmastra, ambienti lentici e di acqua corrente), o semplicemente ambienti umidi, si possono trovare anche disperse nel pulviscolo atmosferico. Alcune specie costituiscono colonie (sono soprattutto planctoniche), alcune delle altre, quelle che potremmo definire libere, sono dotate di movimenti autonomi. Si riproducono sia per moltiplicazione vegetativa (il frustolo si apre dopo una mitosi) sia per riproduzione sessuata (auxosporulazione). A seconda del modo di vita che conducono si dividono in:
· plantoniche, vivono libere
· bentoniche, il tipo di substrato, da' origine a comunita' differenti, si parla di diatomee epifitiche (che vivono ancorate a organismi vegetali), epilitiche (vivono ancorate a substrati duri) ed epipeliche (vivono nel sedimento molle).
Sono eccellenti indicatori biologici in quanto
· sono facili da campionare
· sono distribuite in tutti gli ambienti acquatici
· hanno dimostrato di avere un'elevata sensibilita' verso molti fattori come: intensita' luminosa, temperatura, pH, salinita' e nutrienti.
La comunita' diatomica essendo capace non solo di integrare la molteplicitą di fattori che interagiscono al momento, ma anche di registrare le vicissitudini pregresse di un corso d'acqua, fornisce risposte globali che spesso sfuggono anche all'analisi chimica pił accurata, eccetto alcune forme cosmopolite altre sono specifiche di determinati ambienti, dando origine a comunita' differenti.
Molti sono gli indici basati sulla comunitą diatomica, tali indici prendono in considerazione sia le caratteristiche ecologiche dei taxa sia la loro abbondanza relativa all'interno del campione, quindi sintetizzano i dati forniti dalla comunita' in un valore discreto facilmente confrontabile con quello di altri indici biotici.
Gli indici richiedono il riconoscimento di specie o genere, non vi e' un metodo standardizzato in Italia
Il CAMPIONAMENTO
Il campionamento e' una fase molto importante, e come tale deve essere effettuato correttamente in modo da raccogliere la comunita' significativa del corso d'acqua esaminato. La raccolta delle diatomee e' semplice e veloce: per mezzo uno spazzolino da denti si preleva il periphyton presente sulla superficie superiore di ciottoli sempre sommersi in almeno cinque punti differenti del transetto, lo spazzolino viene successivamente stemperato in una provetta da 50cc precedentemente riempita di acqua corrente (la stessa del tratto campionato). Una volta raccolto il campione viene fissato con formaldeide diluita al 4% per impedire la moltiplicazione delle diatomee.
In LABORATORIO
Il lavoro maggiore viene svolto in laboratorio per la preparazione dei vetrini che serviranno per il riconoscimento. Il campione deve essere lavato:
· si prelevano 25cc che vengono trasportati in una provetta nuova che viene posta in centrifuga a 3000 giri per 10 minuti. Tale operazione si ripete tre volte.
· Il campione sedimentato viene diluito in acqua distillata e si preleva una goccia di questo che viene posta su un vetrino copri-oggetto.
· Il vetrino viene riscaldato su un fornello a bassa temperatura per far evaporare l'acqua e successivamente posto in muffola a 450 gradi per 30-45 minuti in modo da distruggere la componente organica presente (i gusci silicei delle diatomee rimangono intatti).
· Il vetrino viene montato su un vetrino porta-oggetto con una resina sintetica ad alto indice di rifrazione (senza questo passaggio le diatomee non sono visibili al microscopio) e nuovamente riscaldato per due ore.
Finito di montare il vetrino si passa all'osservazione e al riconoscimento delle diatomee mediante microscopio ottico ad ingrandimento 1000X ad immersione.
A seconda dell'indice che si vuole applicare il riconoscimento della comunita' richiede la classificazione al genere o alla specie.


Tavole interattive
Diatoma
Diatoma vulgaris-Diatoma ehrenbergii

Fragilaria
Fragilaria capucina-Fragilaria ulna-Fragilaria pinnata

Ceratoneis
Ceratoneis arcus

Rhoicosphenia
Rhoicosphenia abbreviata

Achnanthes
Achnanthes biasolettiana-Achnanthes minutissima-Achnanthes lanceolata

Cocconeis
Cocconeis placentula-Cocconeis pediculus

Navicula
Navicula lanceolata-Navicula tripunctata-Navicula cryptotenella-Navicula capitata-Navicula subminuscola e atomus

Nitzschia
Nitzschia dissipata-Nitzschia acicularis-Nitzschia sinuata-Nitzschia angustatula -Nitzschia palea

Gomphonema
Gomphonema olivaceum-Gomphonema parvulum-Gomphonema punilum-Gomphonema truncatum

Surirella
Surirella brebissoni-Surirella angusta

Cymbella
Cymbella affinis-Cymbella prostrata-Cymbella sinuata-Cymbella tumida

Amphora
Amphora lybica-Amphora ovalis

Cymatopleura
Cymatopleura solea-Cymatopleura elliptica

Gyrosigma
Gyrosigma acuminatum-nodulo e area centrale

Caloneis
Caloneis amphisbaena

 Tutti i diritti riservati - Dipartimento di Biologia Animale e dell'Uomo - Universita' di Torino